Acquabestia

Suda duro, il giorno, strizza fatica sotto le ascelle,
colpi bassi d’acqua bestia,
a picchiarmi alluvione nel ventre,
mare rotto che spaventa il pianto.
Ero incinta di un distacco, la pancia mossa per abbandono.
Nel sonoro di pugnetti e calci,
già strillava il mio addio.
Che adesso tace.
E piano affoga.

← Previous post

Next post →

1 Comment

  1. Questo è un colpo basso. Brava, k.o.t. e avanti il prossimo

Comments are closed.