Mi mando alla deriva,
scarrozzata dalla corrente,
acquamadre che spinge al travaglio del vento,
io ubbidisco, sobbalzo e poi casco,
nel ventre di un’onda,
col guizzo d’anguilla rinasco.