Questa solitudine è un materasso
che io rigiro dalla parte estiva.
Ogni cosa ha diritto al cambio di stagione,
anche l’assenza che mi regge il sonno,
il vuoto che mi sostiene il sogno.