Tutti ingordi di parole,

le bocche grasse di ogni dire.

Resto zitta, nel digiuno di chi tace.

Alle guance, il rosso di un cocomero tolto alla terra.

Spaccatemi in due,

e contate i miei semi.