Se tu potessi rigirare
i due estremi della mia mancanza
e con le mani metterli
sovrapposti intrecciati
in un nodo di elegante presenza
io sarei felice,
se tu potessi
trattare maneggiare
questa mia striscia d’abbandono
come fosse la cravatta
che indossi
per un’occasione importante.