Domicilio nel vento

Siedo sul tappeto volante del tempo,

osservo la panoramica degli anni,

la geografia dei giorni,

i luoghi delle promesse,

templi e rovine di giuramenti.

Quanti Per sempre perduti nei Mai più!

Rinuncio alla conta,

mi taglio le dita

e attendo.

Due ali  ai polsi e un domicilio nel vento.

← Previous post

Next post →

1 Comment

  1. afferrare il tempo fuggitivo e sfuggente..
    è questo il sogno più atavico..
    come perturbazione del nostro ego..
    si affaccia e ci permea..
    fino a farci trasalire..

    forse un baratto di sangue ci elargirà le ali..

    se vuoi passa da me

Comments are closed.