Scrivimi sul foglio a quadretti,
metti il mio nome tra una cella e l’altra
sotto chiave tienimi
galeotta su carta,
dietro righe incrociate.
Sia il tuo taccuino
mia condanna e prigione.