Madre, sei il refuso della mia pubblicazione.
Alla tua riga, la vista si confonde
e l’occhio si domanda
il perchè di te
in questa storia.