Sono notte parlata, 

un palleggio di buio tra lingua e palato,

stella uscita di bocca, colpita forte in battuta.

Sono il punto perso del cielo, 

la partita vinta da questo dire

che non riempie la luna. 

Né fa sorgere il sole.