La mia colazione è il tempo che nessuno vuole,
quello rimasto in dispensa,
nella busta del pane secco.
Inzuppo le ore dentro il latte,
e attendo che si sciolga
la crosta dura dell’abbandono.