Cerco il tempo della conta,
i numeri tra il muro e l’infanzia,
noi che sparivamo per farci trovare.
Cerco il tempo degli occhi,
quando il nascondino era gioco
che ci voleva scoperti,
e per tutti finiva con l’essere visti.