Cerco il rubino nel sangue, l’oro dentro la carne spezzata.
Mi muovo a ruspa tra le ferite, rovisto sotto la biancheria intima dei dolori.
Sono capomastro e domestica della botta al cuore, demolisco, rimetto in piedi e poi la servo. Con il contraccolpo della vita dietro la schiena.