Sono la croce del calendario,

lo strazio di numeri e giorni,

mi segno e mi cancello,

mi prenoto e mi disdico,

porto le date al manicomio,

i mesi alla follia.

Il tempo ha smesso di cercarmi,

perché io sempre mi rimando.

E mai mi trovo.