Siamo la matematica del tempo,
lui fa la conta con i nostri nomi,
le tabelline con le nostre facce.
Ci somma e ci moltiplica,
poi si scorda di risolverci.
La nostra fine,
dopo il suo uguale.