Sto nella slogatura di un ramo,
nel nervo ritorto di una foglia,
vi cerco nel garbuglio spaesato dei venti,
tra la gobba della terra e l’incavo del cielo.
La nostalgia pieghevole delle cose
s’imbuca nei miei occhi.