E’ piena di morsi, l’aria.

Una pioggia ingorda sbrana il silenzio.

La notte si fa osteria e macello.

Tra gli avanzi di una cena e i resti di una vita,

io penso al mio maldestro amore.

Lui che sfascia il cielo,

per cullare una stella