Ti vedo disteso, sulla strada
in diagonale oppure dritto
ti sfioro con il tacco
poi ti parlo
tu mi ascolti così,
obliquo e nero
di cemento e di asfalto.
Sei nell’ombra della gente
che mi passa al fianco.