C’è una processione di deserti,
sopra i volti in cammino.
Occhi senz’acqua,
sguardi che penzolano all’ingiù,
come lingua secca di cane.
Che qualcuno s’inventi una fontana
e ci riempia le ciotole.
Dobbiamo bere subito,
per non finire ciechi poi.