Chissà cosa pensa la strada
quando io la calpesto
e chiamo dannata crepa
la sua ferita che brucia
fino a incenerire
i sette centimetri di tacco.
Chissà se le appare crudele,
il mio piede che prosegue scalzo