Sei un armadio stipato,
tracimi di vecchie storie e
usati abbandoni.
Non sai a quale gruccia appendermi,
ti manca lo spazio per il nuovo di me.
Chiudi pure le ante,
e salutami i tuoi scaffali.