Malati d’abitudine,
noi mai si cambia strada
la solita linea dritta
che di sicuro ci porta a casa.
E magari andare storti costa meno,
doppia curva e due bellezze
guadagnate per coraggio,
una salita e il cielo in mano
al posto del telecomando sul divano.
Malati d’abitudine,
noi comunque stiamo bene,
sani come un pesce quando
l’amo lo trattiene.