Siamo storie scritte senza mani,

storie di gomiti sbucciati e pelle caduta.

Il nostro autore è un osso sfregato forte,

contro un muro di mondo, un pavimento di vita.

Lui perde carne e sangue,

per assegnarci una stanza.